Il carisma

Il carisma delle Francescane Ancelle di Maria è mariano e francescano. Trae origine da un messaggio che la Vergine Maria rivolse alle nostre tre fondatrici: Anna Maria, Apollonia Tani, e Caterina Benelli. La chiamata coinvolge contemporaneamente tutte e tre le giovani donne, nasce da un’esperienza spirituale comune e ha una forte caratteristica comunitaria e fraterna.

La notte del 16 luglio 1744, festa della Beata Vergine del Carmelo, parve a tutte e tre che Maria SS.ma, sorridente, apparisse loro in visione e piena d’una grande benignità, dicesse loro accarezzandole:

“Andate, al mio Oratorio di Acquadalto, mi sono scelta quel luogo, dove è profumo di bianche rose silvestri e dove mormoran le acque e cantan gli augelli; andate, o mie ancelle, e quivi fra i bianchi roseti fermatevi e fabbricatevi il luogo di pace che desiderate”

quadalto dallalto risultato

Il messaggio di Maria è un invito ad andare, dalla notte verso l’aurora in cui la natura si risveglia; a mettersi in movimento, è un cammino di penitenza, di un affidamento continuo e di una conversione da vivere.

C’è il riferimento ad un luogo, un luogo di preghiera, di bellezza e di pace che indica la forte caratteristica contemplativa.

Nel messaggio emerge l’atteggiamento di Maria sorridente, benigna, piena di dolcezza che ci guida e ci invia ad annunciare la pace come il nostro Padre San Francesco, nel nostro cuore, nel cuore di ognuno e fra tutti.

Gli insegnamenti di Padre Bernardino Martini, frate francescano, al primo gruppo di Ancelle, ci richiamano a raccogliere tutte noi stesse, attraverso il silenzio e il servizio della carità fraterna, per volgere il proprio cuore a gustare la dolcezza di Dio.

tau tris

Viviamo secondo la Regola e Vita dei Fratelli e delle Sorelle del Terz’Ordine Francescano i cui valori fondamentali sono: preghiera, minorità, povertà e penitenza, vissute in fraternità.

Maria è nostro modello di vita nell’atteggiamento di ascolto, di contemplazione e di offerta per essere Ancelle del Padre e Madri del Figlio per mezzo dello Spirito Santo e generare, come lei, Gesù ai fratelli, mediante il primato della contemplazione e del carattere di testimonianza di vita e di preghiera intensamente vissute nel nostro apostolato.