Madonna-del-Conforto risultato
Categories: Notizie e Iniziative Leave a comment

Madonna del Conforto 2015

Prima giornata della Novena, inizia il lungo itinerario spirituale, venerdì 6 febbraio 2015, che porterà la Chiesa aretina, cortonese e biturgense verso la festa della Madonna del Conforto.

Ogni giorno sono previsti momenti specifici per permettere a tutti di omaggiare la prodigiosa immagine della beata Vergine Maria custodita nella Cappella della Madonna del Conforto e mettersi in preghiera ai piedi della Madre di Dio.

L’inizio della Novena è stato contrassegnato da un importante evento: il pellegrinaggio dei giovani che, attorno al loro Vescovo, hanno voluto pregare e invocare il dono della pace insieme alla Comunità Ortodossa ed a quella Islamica levando la loro voce per dire “no” al terrorismo.

Tutti insieme da Piazza Guido Monaco siamo saliti alla Cattedrale e siamo entrati nella Cappella del Conforto per chiedere a Maria – Maryam venerata anche dai mussulmani, il dono della pace.

6 febbraio 2015 4 risultato

 

 

Essere pellegrini,6 febbraio 2015 2 risultato andare dalla propria casa alla cappella della Madonna del Conforto significa compiere un pellegrinaggio: un cammino fisico e spirituale per incontrare il Signore ed essere da lui rinnovati interiormente.
Maria è la madre spirituale di tutti gli aretini: ci conduce a Gesù, Figlio di Dio e nostro Salvatore. Anche a noi ripete: “Fate quello che lui vi dirà”.
La Madonna è la madre della Chiesa, popolo di Dio e corpo mistico di Cristo: il pellegrinaggio esprime e testimonia la nostra appartenenza alla Chiesa di Cristo.
Santa Maria è la perfetta discepola di Gesù e intercede per noi presso il Signore: ci impegniamo a imitare le sue virtù e ricorriamo a lei per le nostre necessità dell’anima e del corpo.
La Vergine Maria, immacolata e assunta al cielo, splende sul cammino della Chiesa quale segno di consolazione e di sicura speranza: ci attende in paradiso, per godere eternamente di Dio, al termine del nostro pellegrinaggio terreno.

Arezzo 6 febbraio 2015 risultatoIl cero acceso ricorda quello consegnatoci al momento del nostro Battesimo, segno della luce della fede che Cristo ci dona; il pellegrinaggio alimenta la fede, così che illumini tutta la nostra vita. La candela accesa è anche segno dell’onore che rendiamo al Signore e alla Madonna; continua ad ardere in chiesa anche dopo la nostra partenza e testimonia la nostra volontà di rimanere sempre alla presenza di Dio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.